<<Un Certificato di Nascita per una bambola? Ma che strano! Devo compilarlo?>>

I Certificati di Nascita per la tua bambola

Sono parole che sento spesso, dalle persone dopo che hanno ricevuto il mio pacchetto magico, che contiene tutti i materiali da cui poi nascerà la sua bambola.

Non faccio fatica a immaginare la scena. La grande busta gialla viene aperta e si diffonde intorno il profumo della lana. Le mani pescano nel pacchetto con emozione e curiosità. Al tatto si sente subito la morbidezza e la setosità del sacchetto di organza.

Dentro al sacchetto, il Certificato di Nascita si nota subito, perché è una cartolina spessa di cartoncino e tiene il sacchetto bene in tensione e fermo.

E’ la prima cosa che inserisco, quando preparo ogni kit. Perché quella semplice cartolina nasconde tutto il senso del lavoro che ci stiamo preparando a fare.

Far nascere una bambola

Nascere è un verbo importante: segna un passaggio, una transizione da un mondo ad un altro. E nella nascita c’è un essere che desidera atterrare in un altro mondo e qualcuno che si presta a fare da “canale”, da attraversamento, da porta (ecco perché non uso il verbo creare! ma di questo parleremo un’altra volta…).

E queste bambole, fatte come ti spiego, nascono: se hai già lavorato con me lo sai, è proprio una sensazione fisica di emozione, gioia, stupore, meraviglia mescolati tutti insieme.

Ecco perché ho pensato di ricordare a ognuna di noi, la bellezza e il significato di quanto stiamo compiendo attraverso un Certificato di Nascita.

Il Certificato di Nascita, punto per punto

Guadiamolo più da vicino, ti va? Così ti spiego perché ho voluto inserire tutte quelle voci.

Certificato di nascita
Certificato di Nascita compilato

La prima cosa da scrivere è il Nome. E’ normale, no? Il Nome sancisce la tua identità, dice chi sei e ti rende unico al mondo. E’ bene che stabilisca il nome la persona che poi si occuperà della Bambola.

Alla voce Genere, al momento si può indicare solo Pupino o MiniMé, ma sono in arrivo morbide novità, tutte da abbracciare.

Vuoi saperne di più sui Pupini? Leggi qua.

Bisogna poi segnare al’incirca la Data di Nascita, così potremo ricordare per sempre in che perido della nostra vita abbiamo fatto nascere proprio quella bambolina. Magari possiamo trovare dei significati o delle coincidenze o raccontare delle storie, anche a distanza di tempo.

La Fase della Luna è una cosa che guardo sempre nel momento in cui finisco una bambola. La Luna ha un’energia potente, che sposta gli oceani, quindi mi piace riflettere sotto quale energia è nata bambola che stringo tra le mani e mi piace ricordarlo nel certificato.

Com’è, fuori, la luna? Che ti dice mentre le mostri la bambola appena nata?

La Luce Interiore è uno dei segreti che ci legano alla bambola. Lo scoprirari leggendo la Guida.

Vuoi maggiori informazioni sulle Guide passo a passo? Vai alla pagina dedicata.

Ogni colore regala una luce diversa che emana attraverso la pelle delle tua bambolina. E il colore, la luce, che cosa sono non se non energia?

La Magia nelle piccole cose

La Magia delle piccole cose

Immaginavi che dietro una cartolina così piccola e semplice si nascondessero tante cose? Chissà, forse no. Sono le piccole cose che fanno la differenza.

Che poi, alla fine, si tratta solo di gesti e pensieri consapevoli, che ti portano verso di te e ti mostrano la Magia nascosta nella piccole cose.

Che poi, alla fine, è l’unico motivo per cui vale davvero la pena fare bambole.

Vuoi farne una anche tu? Scrivimi!


    3 replies to "Un Certificato di Nascita per una Bambola?"

    • Carla

      Dolcissima descrizione….complimenti ale tue bellissime creazioni c

    • Roberta

      Ciao Cinzia, noi ci conosciamo già da un po’ e piano piano sto facendo nascere le mie piccole creature ed il certificato di nascita penso sia il vero fulcro di tutto il percorso, proprio come nove mesi di gravidanza finalmente viene alla luce la nuova vita! Pur non avendo figli è questo il mio sentire ad ogni nuova nascita ❤️

    • Eleonora

      Ciao Cinzia, è vero il certificato di nascita è importante, io ci aggiungo il mio stato d’animo e il perchè ho scelto quella stoffa o quel colore…la sua storia.

Lascia un Commento

Your email address will not be published.